mercoledì 26 aprile 2017

Le cene in famiglia

La quotidianità di un populista non è sempre facile, anzi, quasi mai.

Passa il tempo a salvaguardarsi le orecchie dagli sproloqui europeisti, dalle iperboli economiche dei liberisti, dalle nostalgie acritiche degli antifascisti, dal nazionalismo/secessionismo (sarebbe anche tempo di decidersi) dei leghisti.

Il resto del giorno lo impiega a studiare sfogliando la controinformazione che serve a stare sul pezzo ma che gonfia la bile e acuisce lo sconforto e la solitudine.

Ma questo  è nulla in confronto alla madre di tutte le battaglie: la cena in famiglia.

Si, perché, dopo che combatti giornalmente lo status quo, cercando di evitare di suicidarti o di strangolare qualcuno; quando insomma cerchi con fatica il lato positivo del tuo disadattamento sociale, vorresti rilassarti tra le tue mura domestiche, in una sorta di Fort Alamo personale.

E invece no!!

Scopri che i nemici li hai in casa. E sono i peggiori, i più radicati nel pensiero unico e parallelamente quelli a cui vuoi maggiormente bene, che vorresti “salvare” dalle nebbie dell’attualità del TG4.

Perché l’intuizione ce l’hanno pure : “Che brutto mondo, che brutta società”

E mentre tu prepari quegli argomenti che reputi basilari ad un corretto rinsavimento sociale buttando li un prologico “Si dovrebbe fare come negli anni 70” ecco che subito parte il mantra “eh, ma bisogna andare avanti, i tempi sono cambiati”.

O fesso !! Ma se mi hai detto che questa società non ti piace, cosa fai? La difendi pure?

Loro: “Come mi piace questo papa, porta sempre un messaggio di pace”

Io:“Scusa ma è favorevole all’immigrazione, all’aborto, alle unioni gay, apre all’islam, cioè a tutte quelle istanze sociali che hai sempre condannato, per te non era meglio un Ratzinger?”

Loro:“Eh, ma la chiesa si deve aprire, deve adeguarsi ai tempi, non deve essere radicale. Guarda quanta gente è andato a sentirlo a Milano, ha riempito lo stadio”

Io:“oh, beh, io non sono cattolico ma mi pare che una religione si debba distinguere sulla base di solide ideologie e non per il suo adattamento secondo convenienza, altrimenti è marketing. E poi l’evento di Milano mi è parso più idolatria che altro”

Loro:”ma cosa ne sai tu che non vai mai in chiesa, sei il solito comunista”

Comunista a me?!?!

Battaglia persa anche sul fronte economico-sociale.
Il mantra grillino della corruzione unito al dogma liberista dell’evasione fiscale brutta e cattiva è penetrata in profondità e non si eradica mica tra una grappa e l’altra. Generando buffe contraddizioni.

Che si coagulano nella condanna a chi non fa lo scontrino tipo il ristoratore sulla spiaggia ligure (che gira in mercedes) e nella comprensione del povero Marchionne che per le troppe tasse (che mai ha pagato) delocalizza la società in Olanda.

Le multinazionali, che bontà loro creano lavoro altrimenti non ci sarebbe, diventano dei miti ingigantiti dalle cifre per noi iperboliche che pagano nell’acquisizione di altre società, facendo brillare gli occhi dei parenti di estasi ed invidia.

E questa spesa pubblica, vera zavorra del nostro tempo, gonfiata dagli stipendi dei politici, dei sindacalisti e delle pensioni d’oro e anche da tutte quegli ammennicoli contrattuali che i dipendenti pubblici hanno estorto con l’inganno e la coercizione. Sono pagati troppo diciamocelo.

E quando fai notare che l’evasione arriva proprio dai vari patteggiamenti legali che le multinazionali concordano col governo riguardo alla loro spesa fiscale, che sarebbe ora di limitarne il potere, ti rispondono che tu vuoi impoverire il paese.

L’apoteosi poi giunge sull’analisi politica.

Si, perché, per chi segue il dibattito attraverso i TG ed il Sole24ore, siamo rimasti ancora a 25 anni fa, dove la netta separazione destra-sinistra teneva banco. In quest’ambito, bontà loro, non si evolve mica, non si devono “seguire i tempi”.

E saresti tentato di dargli pure ragione, solo che i termini della contrapposizione storica sono leggermente cambiati



E non è un caso che chi ha votato democristo e Berlusca per anni si ritrovi ad approvare ed a condividere le stesse visioni e gli stessi eroi di quelli che fino all'altro ieri erano quelli di “sinistra”.
Tutto un proliferare di elogi per Macron (oggi, perché fino a ieri manco sapevano chi fosse) e contro MLP, per la Clinton contro Trump, contro Assad, pro EU, Papa Francesco (come sopra detto piace molto ai liberal-sinistrati), contro la Brexit (ecco, la sterlina si sta svalutando, poveri loro), il dittatore di PyongYang, e quel mostro di Putin.

Non si nota più la separazione politica, tanto che ora piace Renzi, Gentiloni è un bravuomo e Mattarella è il migliore.

Anche in questo caso, la difesa del parentame alle oggettive sottolineature di tali incongruenze è dogmatica e prevede il fatto di accusarti di seccentismo e pedanteria.


Sulla base di queste constatazioni, non si entra neanche nel merito di un’analisi economica superficiale riguardo, non so, alla moneta.

Come si fa a discutere con chi pensa che il sottostante la moneta sia ancora l’oro?

Preferisco restringere le mura del mio Alamo all’ambito del Collettivo UPUC, lasciando comunque aperta la porta a chi è sangue del mio sangue, carne della mia carne.


Per il bene della mia progenie

venerdì 7 aprile 2017

Non preghi adesso, soldato blu?

<Non preghi adesso, soldato blu?
Di' una poesia, di' qualche bella frase>

Nel cinema statunitense, che ha prodotto anche opere meravigliose e in qualche caso addirittura autocritiche, ma che per lo più ha diffuso l'ideologia e l'immaginario della potenza dominante e trainante nel mondo al di fuori dei propri confini, concorrendo a legittimarne politicamente e culturalmente il ruolo, un genere in particolare è stato importante in questa produzione a cavallo tra immaginario e ideologia.
Il genere western.

Per lunghi decenni il genere western ha prodotto, riprodotto, diffuso e santificato mitologia.
Il mito della frontiera come costruzione politica, culturale e sociale degli USA.
La storia del popolo intraprendente che forgia il proprio destino contro ogni avversità, che porta la civilizzazione ( vista sempre e solo dal proprio unilaterale punto di vista ) tra le tenebre, nella terra dei barbari e della barbarie.
Un mito che concorre a veicolarne un altro, quello fondato sull'individualismo metodologico: il mito capitalista del madeself man.
Parlo del mito dell'uomo che si fa da solo che, nel primo genere western, trova un afflato epico e mitologico nell'estendersi come idea di intero popolo che si fa da solo.
La violenza viene assolta e beatificata insieme, perché contro i barbari quello puoi fare: sterminarli.
E "solo dalle mie fredde mani morte strapperai il mio fucile".
Mitologia tragicamente guerrafondaia in realtà mai archiviata e veicolata attraverso un messaggio devastante, quello dei primi western.
Quelli di e alla John Wayne per intenderci, quel messaggio intriso di un manicheismo assolutamente yankee per cui il buono si distingue dal cattivo in quanto uccide tutti i cattivi.

Vi fu una sterzata in questo tipo di racconto teso a legittimare una certa idea del ruolo degli Stati Uniti nel mondo con l'inizio degli anni '70; credo non casualmente in concomitanza con le grandi proteste degli studenti contro la guerra in Vietnam.
Una diversa idea di western e quindi di mito della frontiere e nascita della nazione andava innestandosi anche sulla consapevolezza che, pur sembrando incredibile al mondo intero, quella guerra gli USA stavano sempre più chiaramente andando a perderla.

Forse allora non sono tutti mostri e tutti barbari gli "altri da noi stessi", altrimenti non si capirebbe come quelli sgorbietti gialli che mangiano riso, che non hanno neanche le scarpe e vivono dalle parti del Mekong, abbiano potuto sconfiggerci.
Quando i nemici vincono tocca umanizzarli altrimenti svaluti te stesso, se hai perso contro di loro.
Come farlo senza scendere direttamente nel merito di una attualità troppo scottante?
Un buon metodo può essere rivalutare la figura del cattivo rispetto a tanti eventi del passato.

Così a partire dal 1970 il western esce dai suoi canoni stereotipati e si comincia a mostrare che gli indiani erano buoni, erano umani.
Nel 1970 Soldato Blu, che parla della strage di cui i bianchi sono colpevoli, il massacro di Sand Creek, mostrando le peggiori efferatezza sulle quali si costruì il mito della frontiere.
Una frontiera intrisa di sangue; una frontiera che non era solo illegittimo furto di terra ma spesso manifestazione di autentico sadismo genocida.
Nello stesso anno destò meno scandalo, ma artisticamente era migliore, Il piccolo grande uomo; film che mostra come gli indiani siano stati corrotti oltre che assassinati dall'uomo bianco.
I nativi vengono dipinti come portatori di una innocenza e di una umanità eticamente e moralmente di gran lunga superiore.
Due anni dopo Corvo Rosso non avrai il mio scalpo, nel quale gli indiani sono ancora cattivi ma non privi di un proprio profondo senso dell'onore, suggerendo così che tante volte la giustizia è più che altro una questione di punti di vista.
20 anni dopo questo filone degli indiani buoni e dei bianchi cattivi era a tal punto diventato un luogo comune che si son sentiti in dovere di sommergere Balla coi lupi di Oscar, pur non essendo l'episodio migliore del nuovo filone.

Ma la realtà è che sotto sotto, la mistica del fucile che strapperai soltanto dalle fredde mani morte, l'idea che il buono si distingue e si riconosce perché uccide tutti i cattivi, era rimasta tale e quale.
Il ribaltamento dello stereotipo era esclusivamente esteriorità. Un grande e ipocrita lavacro di coscienze, al di la delle intenzioni magari anche buone e sincere di vari autori.

Lo vediamo ancor oggi.

Ci hanno dipinto Trump come un mostro per oltre un anno, perché non è politicamente corretto, perché è volgare e perché pur essendo sicuramente un pezzo di establishment ha messo in discussione alcuni elementi del Grande Racconto della Meravigliosa Globalizzazione Progressista ( per prendere i voti della classe lavoratrice che ne era stata massacrate, col placet di Obama e di Hillary Clinton ).
Schifoso finchè volete ma almeno in parte fuori dal canone di come dovesse funzionare il mondo, così come ce l'hanno raccontato a reti unificate nel corso degli ultimi 30 anni almeno.
Omofobo!
Razzista!
Protezionista!
Populista!

Ne han dette di ogni.
Per altro non senza motivo perché effettivamente è chiaro che considera le donne oggetti, che la sua idea di come gestire ispanici, neri e minoranze varie, fa schifo.
Ma dimenticandosi sistematicamente di ricordare che Obama, il ragazzo immagine di Goldman Sachs politicamente corretto in quanto abbronzato, durante il proprio mandato aveva bombardato 7 paesi con la guida e la collaborazione della sua autentica anima nera, Hillary Clinton, madre della destabilizzazione in Libia e del golpe dei nazisti guidati da Poroschenko in Ucraina.

Poi una mattina Trump si sveglia e siccome un po' di persone, tra le quali dei bambini, sono morte in Siria in un modo atroce 48 ore prima ( omettendo di ricordare i 350.000 morti nei 6 anni precedenti e i quasi 4 milioni di sfollati e profughi ), lui si scopre di colpo paladino dei diritti umani.
Senza per altro che vi siano prove chiare e univoche della responsabilità del governo siriano e come se in ogni caso questo facesse la differenza, se anche la responsabilità vi fosse, per un essere umano che si sia elevato dalla logica della legge del taglione risalente al codice di Hammurabi...

Del resto quale modo migliore che scoprirsi paladino dei diritti umani che comandare il lancio di una sventagliata di missili per uccidere degli essere umani?
Ma quelli sono cattivi.
E, dicevamo, il buono si riconosce in quanto buono perché uccide tutti i cattivi.


A questo punto Trump di colpo ritorna nel mondo dei buoni.

Finché diceva che le donne devi prenderle per la fica e che se hai soldi hai fica finché ne vuoi: mostro!
Quando cominci a bombardare...applausi dei governi occidentali, di Gentiloni, e di tutti i pacifinti diritto umanisti.

Che schifo di mondo.
Che schifo di ipocrisia, secondo la quale bisogna passare ai crimini concreti per poter entrare a pieno diritto nel novero dei buoni.


P.S.
Il mito degli indiani che in realtà erano i buoni della storia è stato per tanti anni, anche prima che il cinema statunitense cercasse di lavare la coscienza del proprio popolo, uno dei simboli della controparte agli Stati Uniti.
Un'idea su cui facevo leva quelli che criticavano ed erano contrari al fatto di essere ascari del guerrafondaio impero a stelle e strisce.
Gli indiani combatterono per la propria libertà e la propria terra fin dai tempi della rivoluzione americana contro i coloni che li massacravano.
Cominciarono le sei Tribù Irochesi che vivevano tra la foce del fiume San Lorenzo e la regione dei grandi laghi, lungo il fiume Mohawk.
Si diedero nome di Nazione Mohawk.
Hanno combattuto per la propria terra, la propria libertà, la propria autodeterminazione, quindi per la sovranità della propria nazione.
Una sovranità in pace: né oppressi né oppressori, liberi sulla propria terra.
I paladini dei diritti umani che oggi vogliono più bombardamenti nel nome dei diritti umani ci hanno forse ripensato che quella fosse la causa giusta, perché gli indiani erano maledetti "sovranisti"?
Chiedo perchè sono frastornato.
Più guerra nel nome della pace e il fatto che sia giusto pretendere di comandare nell'altrui paese, è una teoria che non mi ha mai convinto troppo.


Enea



giovedì 6 aprile 2017

50 SFUMATURE DI ROSABRUNO

Volano Bioporco ogni volta che vedo i rosabruni (non si usa più Dio ma BIO, da quando un sabato mattina, dopo una settimana di fatica e nella speranza di sentire qualcosa di buono sull'attuazione della Costituzione, in presenza di disoccupati, lavoratori precoci e precari, qualcuno ti dice: "il BIO ora è ovunque". Quindi ora sorge un dubbio atroce, ma il BIO esiste oppure no?... Di certo è PORCO!), quindi passiamo all'analisi di questo nuovo colore.

Rosa è sicuramente il colore dei petalosi, dall'anima candida (da non confondere con quel microrganismo fastidiosissimo che crea candidosi, ma quasi ci siamo). A loro piace mettere lo smalto rosa delicato (tra l'altro a mio parere molto bello), un'etichetta da mostrare per far vedere quanto siano persone ben educate. Così le vedi su Facebook con la loro dimostrazione di cosa è giusto e sbagliato e di quanto siano loro di buon esempio per tutti. La bontà d'animo a tutti i costi, che sprizza ovunque, sembra quasi creata apposta per non reagire allo sfruttamento. In effetti la bontà d'animo è una buona qualità ma resta da chiedersi: puoi essere buono e comprensivo con i tuoi carnefici? BIOPORCO NO! Quindi, se per caso tu sei un populista un pezzo, un culo e riconosci il carnefice, tanto più in presenza di vittime, devi assolutamente dire quello che pensi, fregandotene dello sguardo dall'alto in basso dei magnifici petalosi che giudicano il tuo comportamento aggressivo.
La libertà di espressione e la legittima difesa sono assolutamente importanti.

Passiamo al profumo di rosa (da evitare). Parlo degli ottusi profumosi che “CI FANNO” violenza psicologica. Sono quelli che: "Ah, ma cosa dici? Non è vero", anche di fronte ad ovvietà che tu conosci dal 1984 ma che fai fatica a spiegare perché non sei laureato in economia. Sono quelli che ti dicono: “Tu che ne sai, non hai neanche il titolo di studio… sei sicuro di quello che dici?” quando questi poveracci per primi devono studiare per verificare quello che gli stai dicendo. Quindi è più facile per loro dire “più pelo per tutti” o, meglio ancora, “più Europa per tutti”. In alternativa ti ripetono a vanvera “Cambiamo la UE dall'interno”, non considerando assolutamente che per come è strutturata non è riformabile e non è democratica, lasciando così in balia delle difficoltà tutte le persone più deboli (NOI, BIOPORCO!).
Tanto che gliene frega ai PROFUMOSI, loro hanno ancora il CULO parato.

Proseguiamo con il rosa intenso o meglio gli schizofrenici. Alla parola IMMIGRATO li vedi subito sull'attenti. Con loro è difficile dialogare ma vorrei chiedergli come faranno a risolvere il problema dei molti immigrati che arrivano e che, poveracci, sono costretti a lavorare a 3,5 euro/ora e che se parlano o si lamentano, vengono lasciati a casa… e poi, delle guerre e delle destabilizzazioni dei loro paesi vogliamo parlarne? Il tutto in una situazione di miseria collettiva italiana, in cui le difficoltà per il lavoro ci sono per tutti. Si conta (al ribasso) il 12 % circa di disoccupazione generale ed il 40 % circa di disoccupazione giovanile e gli italiani che emigrano sono più degli immigrati che arrivano. Un contesto veramente desolante in cui non ci sono più nè dignità nè reddito e le forze politiche sono inesistenti ed incapaci di affrontare il problema del lavoro di tutti.
Eppure per molti SCHIZOFRENICI questi temi sono tabù e magari c'è anche chi dice “Nel mio paese nessuno è straniero”. Resta da chiedersi perché allora li si tratta come se lo fossero, sfruttandoli ed abbassando la qualità del lavoro di tutti. Quando si parla di immigrazione, NON dovrebbe esistere SOLO il tema dell'accoglienza ma si dovrebbero considerare anche altre situazioni per EVITARE le GUERRE: TRA POVERI e NEGLI ALTRI PAESI. Quindi agli Schizofrenici, il film “QUEI BRAVI RAGAZZI”, gli fa un baffo, perché loro si sentono veramente BRAVI.

Veniamo ora agli invisibili. Parliamo di tutte le persone che continuano a portare avanti la propria vita: chi li tocca a loro! Fanno tutto come se non stesse succedendo niente e se per caso TU CON LE PEZZE AL CULO provi a portare avanti una lotta comune, sei visto anche male, perché vai contro il progresso (regresso) che “non va fermato”. Il progresso con i nostri problemi, per loro, non va fermato (BIOPORCO!). Quindi questi rosabruni invisibili che non tengono conto di questo, e che non sanno né di carne e né di pesce, lasceranno ai loro magici figli (SUPER ACCULTURATI ma privi di senso comune) il SUPER sfruttamento sul lavoro. (MA MAGARI LORO SARANNO PARACULATI...)

I PEGGIORI della storia rosabruna sono invece quelli del rosa davanti e dietro la MERDA UMANA (color marroncino). Questi sono quelli che sanno e continuano a mentire e a non rappresentarci.
Si va dai nostri politici agli intellettuali che hanno studiato per la loro gloria e non per il progresso dell’intera società. Ma dico io, COSA vi abbiamo mandato a fare a studiare?
State lasciando tutti in balìa della povertà e senza difesa. Ma tanto per VOI, noi siamo soltanto populisti e voi di sinistra (di certo siete BIOSINITRATI).

Detto ciò, io ho smesso di perdere tempo a rincorrere TUTTI i rosabruni d’Italia. Magari conoscono egregiamente l’inglese, sono perfetti in TUTTO, sono superorganizzati, però, fanno fatica a comprendere il significato della parola verità (e non solo).

In tutte le lingue “PIIGS”, a mai più: adeus, goodbye, CIAONE, αντίο e adiós

(Grazie a Enea per aver coniato il termine rosabruno e a Antonietta per l’idea del titolo di questo scritto)

Federica


mercoledì 5 aprile 2017

Sciopero e Risvoltini

Bla Bla Car

Car e Bike Sharing

Uber e affini

I cultori del mondo digitale, automatizzato e smart diventano cannibali irrequieti, pronti a sbranarsi per un posto sul tradizionale taxi che porti le loro tensioni a sfogarsi nella grande arena del meeting mondano ed economico.

Famelici antagonisti del tradizionalismo e dell'intervento pubblico, sembra quasi che per 4 ore di mezzi pubblici in sciopero si scateni in terra il Ragnarok delle loro misere esistenze, tra un risvoltino e un paio di Hogan, come feticci della loro fede a cui aggrapparsi.

Miseria umana, apparentemente raccolta in sofisticate vesti di questuanti, elemosinano al loro avvenire qualcosa per cui vantarsi tramite un tweet e un selfie. Una botta e via, nessun gusto nell'ingurgitare la quotidianità.

Poveri voi, l'appuntamento che questo sciopero di pezzenti vi fa saltare, in effetti, non è altro che la semplice attesa di un colpo di culo nella vita.

Perché il mondo è sempre diviso tra chi subisce i colpi e chi li sferra.

Buon salone del mobile, pellegrini millennials senza piedi ne umanità.

Aaron

lunedì 3 aprile 2017

Padri e società

E’ vero.

Sperare di cambiare il mondo attraverso l’incontro settimanale con altri 5 o 6 scappati di casa come me è utopia.

Sognare con esso di accendere la miccia della consapevolezza popolare riguardo alla tragica situazione del nostro sistema sociale pure.

Anche solo organizzare un piccolo evento aggregativo che abbia contenuti condivisi riguardo lavoro, geopolitica, economia sembra lavoro da superuomini.

Eppure poter incontrare persone che vivono il tuo stesso disagio, che tentano di squarciare il velo di paura che ci circonda è linfa vitale.

Scarica un po’ la tensione che un padre, in questo periodo di assenza di futuro, accumula giornalmente pensando alle proprie figlie e al loro percorso di crescita.

L’istinto protettivo, il Liberismo Globalizzato te lo propone come pensiero individuale ed esso, come tale, continua a scavare un solco sociale tra te e gli “altri”. Gli “altri”: i nemici tuoi e dei tuoi sentimenti, della carne della tua carne.

Ma è necessario combatterlo

 Combattere l’isolamento con un paio d’ore settimanali di condivisione, magari anche solo di pensieri disfattistici vi giuro che fa tanto.

Almeno per me.

Sapere che, in una triangolazione sociale spuria, questi 4 scappati di casa incontrandomi il giovedì, si prendono in qualche modo cura del futuro della mia prole mi rasserena un poco.

Più di quanto mi rasserenino altri amici, con i quali condividi tutto meno che l’analisi del tempo presente e che non sai bene se, al momento del loro bisogno, potranno avere riguardo per te e dei tuoi cari.

 Animali competitivi. Si nascondono ovunque.

Ecco, forse nell'ambito delle mansioni di un buon padre, ci sta quella di mantenere viva l’aggregazione sociale, la condivisione, la partecipazione, la vicinanza.


Roberto

venerdì 31 marzo 2017

I Signori della paura sono dei gran paraculi.

In questi giorni il primo ministro inglese Theresa May ha firmato il documento per la fuoriuscita del Regno Unito dall'Unione Europa.
Il Collettivo Populista ha discusso la questione e abbiamo deciso che noi siamo a favore della Brexit, anche se la governa Theresa May che è una liberista e evidentemente non mi ci piace.

Perché?

Perché noi ci opponiamo alla paura.
Chi governa sventolando la paura ci frega.

Voi credereste in un futuro di prosperità e libertà, da perseguire attraverso una istituzione fondata sulla paura?
Tradotto, questo concetto, vuol dire che nel giorno in cui la May dimostra che *si può fare* [ semicit. da Frankenstein Junior ], noi possiamo al massimo rammaricarmi del fatto che sia una presidente così liberista a governare il processo, ma a chi si straccia le vesti su tutti i nostri media di pennivendoli al servizio dei potenti, che messaggio positivo resta?
Resta la paura.
Non hanno un solo messaggio positivo, soltanto paura.

Sventolare la paura che ora Gojira emergerà dalla manica e sterminerà tutti gli albionici.
Perché parliamoci chiaramente: dopo Cipro 2013, Grecia 2015, ( a dire il vero anche un governo schifoso ma legittimo rimosso attraverso un ricatto firmato da Trichet e Draghi in Italia, già nel 2011, per insediare un tecnocrate ) a questa istituzione affamatrice che legittimazione politica resta agli occhi dei popoli se ora, sciaguratamente per loro, per UK non sarà un catastrofico disastro?
Devono sperare che vada male, altrimenti si sputtanano.
Ma cosa c'è di positivo in una istituzione e in tutta una ideologia che dopo aver affamato i greci e reso disoccupati anche gli italiani, non ha di meglio da fare che tifare per le disgrazie altrui?

Possono solo sventolare la paura che non si faccia mica come gli albionici: la fuori c'è Trump, che è cattivo, Putin, che è cattivo, i cinesi che sono cattivi, gli inglesi che hanno votato Brexit e sono proprio stronzi!
Che presunzione, sono tutti stronzi a questo mondo, trane gli eurocrati e i loro scendiletto.
Che strano, vero?

In ogni caso per loro si tratta semplicemente di poter praticare politiche di potenza a muso duro?
E come lo conciliano col fatto che dicono sempre che l'unione europea sarebbe per la pace?
Sventolano la paura che adesso saranno tutti disoccupati e lo saremo anche noi se faremo la stessa cosa.
Che i risparmi si volatilizzeranno perché ci saranno svalutazioni tipo del 26.000%
Che ci sarà l'autarchia.
Ti piacciono le banane? Eh...mangi i cachi, le banane non si possono mangiare più.
Alla fine sta baracca deve rimanere in piedi, nella retorica di chi la vuole in piedi, altrimenti muoriamo tutti.
Terrore, distruzione, morte.
Non è lecito fare una critica, non è lecito pensare altro, perché la fuori c'è solo paura.
Qua il legante è solo la paura, non solo delle alternative ma anche solo del pensare l'alternativa.
Pure il pensiero quindi è paura.
Accidenti, detta così sembra quasi un totalitarismo.

Il mondo è pieno di mostri cattivi e quindi questa Sacra Roccaforte deve rafforzarsi, nessuno deve metterla in discussione, minarne le mura.
Scusate.
Tutto questo non è politica.
E' psicopatia, o malafede.
Per altro su questi presupposti si tratterebbe di superare gli stati solo per farne uno più grosso, più potente, più forte, e in ultima istanza più bellicoso perché a ben vedere, cazzarola, qua l'unico collante che resta sarebbero i "nemici".
Per paura dei nazionalismi....se ne predica e pratica uno più grande!
Complimenti.

Io quello che vedo è che una premier inglese, destrorsa, governa un paese nel quale il popolo vota e il governo da corso al voto.
Una cosa che invece, Juncker e Katajnen, orgogliosamente e a ogni piè sospinto, negano e respingono.
L'unione europea è un posto dove nulla si può contro i trattati, ha detto il primo, e dove non si cambia indirizzo secondo chi è stato eletto, ha detto il secondo.
Ma allora per cosa cazzo votiamo a fare?
C'è l'hanno detto in tutte le salse che il modello sociale che vorremmo, a maggioranza, dentro l'UE è un'opinione che non conta un cazzo.
Uno scrittore diceva che, se vuoi nascondere veramente bene una foto, non la devi mettere sotto 100 altre cose in fondo al cassetto più recondito, ma appenderla sopra il caminetto in mezzo a altre 30. Così nessuno la cercherà e nessuno la noterà.
E' questo il problema della democrazia nell'ue....son stati bravi, ce l'hanno detto in faccia che la democrazia non c'è.
E forse per questo tutti ancora si vogliono illudere che ci sia.

Siete sicuri di essere democratici?
Per questo motivo noi dei Comitato Populista UPUC vi invitiamo a pensare: chi governa solo con la paura è sempre un falsario, pensano di trattarci come bambini con le storielle sull'uomo nero.

Brexit?


E domani, anche a casa nostra.
Non dobbiamo avere paura di loro.
Sono loro che devono avere paura di noi.



Enea per il collettivo CP-UPUC

domenica 19 marzo 2017

Il Conflitto


Nelle mie recenti ed embrionali letture filosofiche mi sono imbattuto in Eraclito.
Questo proto-filosofo vissuto 2500 anni fa elaborava una tesi del “tutto” molto diversa rispetto a quella dei poeti omerici e a quella dei naturalisti.

Se Omero esaltava negativamente la guerra come evidenza della debolezza della giustizia umana, Esiodo definiva il concetto di giustizia assoluta e divinizzata, obiettivo principale dell’uomo e pratica emancipatrice di quest’ultimo dagli animali. Solone poi ne secolarizzava la costruzione, ponendo le basi del fare politico, nel pensiero che solo una società equilibrata fosse una società sana.

I naturalisti poi introdussero il concetto cosmologico degli opposti ( caldo, freddo; fuoco, acqua) sul cui equilibrio si basava il buon funzionamento della realtà.

Eraclito invece stravolge questi concetti ed evidenzia la centralità del Conflitto in tutte le precedenti elaborazioni.
Non è l’equilibrio tra gli opposti il vero motore del tempo umano ma è il Conflitto che determina l’equidistanza, che rende possibile il fluire storico del presente. Senza di esso la civiltà si ferma, si imputridisce, muore.

Ora, il nostro Opposto politico e sociale è il Liberismo Globalizzato

Quello che ha costruito intorno a noi è una gabbia soffocante e che ci impedisce di guardare al futuro con speranza e serenità.

Per equilibrare questo presente non abbiamo altra alternativa che il Conflitto. E più il disequilibrio è forte e più il Conflitto deve necessariamente essere virulento.

Chiunque proponga un percorso alternativo al tale Conflitto è da ritenersi colluso con il nostro Opposto.

Nello specifico dunque, Redditi di Cittadinanza, Concertazioni sindacali, stimoli fiscali in regime di parità di bilancio sono da considerarsi strumenti di elusione del Conflitto e quindi da rifiutare categoricamente.

Sono palliativi che mirano a assimilarci al nostro Opposto e che mantengono la situazione di disequilibrio, comprimendo le tensioni nella speranza vana di poterle disinnescare. Sono le pratiche della nostra classe dirigente traditrice.

E gli stessi nostri tentativi di mantenere rapporti personali con individui dichiaratamente collusi con il nostro Opposto “solo perché” con essi abbiamo condiviso un precedente ( e ormai remoto ) percorso politico e sociale sono da considerarsi elusivi del Conflitto stesso, freni al suo naturale dispiegarsi.

Lasciamo che si sviluppi perché è la sola unica nostra speranza.

Assicuriamoci di dare ad esso una struttura.


Roberto